03Feb
By: Amministratore Acceso: febbraio 03, 2018 In: Blog, Territorio Comments: 0

Oggi al palazzetto dello sport di Vigevano si è tenuta la cerimonia di beatificazione dell’alpino partigiano Teresio Olivelli alla quale ha partecipato una numerosa delegazione di lecchesi: i gruppi Alpini valsassinesi tra cui il Presidente della sezione di Cassina-Moggio Luigi Aldeghi, l’ANPI sezione Valsassina tra cui il Presidente Augusto Amanti e il partigiano Giancarlo Salvi (classe 1925), l’ANPI provinciale di Lecco tra cui Pierfranco Mastalli e Antonello Galli, il Presidente dell’associazione Nastro Azzurro Mario Nasatti, Don Lucio Galbiati parroco della comunità pastorale Regina dei Monti, i sindaci Guido Agostoni di Pasturo e Roberto Combi di Cassina Valsassina, il Presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano e anche io.

Durante la celebrazione la figura di Teresio Olivelli è stata ricordata come esempio di incarnazione dei valori dell’umanesimo cristiano. Perseguitato dai nazisti e dai fascisti, si ribella all’odio e si prodiga nel soccorrere i suoi commilitoni, fra cui numerosi proprio di Cassina Valsassina, sempre guidato dall’amore per il prossimo, fino al sacrificio della propria vita.

Partecipare a questo percorso, dalla richiesta di emissione del francobollo emesso il 15 ottobre 2016, fino alla cerimonia di beatificazione di oggi, è stato per me un onore la figura di Teresio Olivelli è entrata nel mio cuore attraverso i ricordi e le parole delle tante persone che ho incontrato. Un ragazzo, ribelle per amore, che a soli 29 anni ha combattuto per la libertà e la democrazia è per tutti noi un esempio di eroico altruismo e umanità, sacrificando la propria vita per amore dei fratelli più deboli e bisognosi. Una parte della storia del nostro territorio passa anche da qui.

Trackback URL: http://www.veronicatentori.it/beatificazione-dellalpino-partigiano-teresio-olivelli/trackback/